News Ticker
Martedì 4 Giugno 2024 la cena di saluto al PalaCantini: a breve tutte le info!

PALLACANESTRO AFFRICO – CANTINI LORANO SRL JOKERS BASKET 59 – 49

La Cantini Lorano s.r.l Jokers Basket prosegue nel suo digiuno di vittorie, nonostante un bel derby contro Pallacanestro Affrico. Dopo un primo tempo equilibrato chiuso dai giallo-blu in vantaggio, nel secondo, i padroni di casa, alla lunga riescono mettere le cose in chiaro e chiudere con un passivo di 10 lunghezze.

DIVISIONE 1 – 7º RITORNO
Sabato 24 Febbraio 2024 @ PalaAffrico

AFFRICO-JOKERS BASKET 59-49
(12-8, 26-27, 46-40, 59-49)

PALLACANESTRO AFFRICO
Bandinelli 14, Albini 13, Zanussi 7, Bacci 2, Gori
, Balloni 8, Salvadori 5, Manno 4, Lorenzo 2, Beconcini, Campo.
Coach: Bifarella Ass. Soldaini

CANTINI LORANO SRL JOKERS BASKET
Ristori 9, Pazzagli 6, Biondi 5, Coli 5, Mica 2
, Gronchi 11, Zivojinovic 5, Carli 3, Conti 2, Margheri 1, D’Amico, Garma ne.
Coach: Armellini Ass. Perrotta

Parziali: 12-8, 26-27, 46-40, 59-49.

Arbitri: Carboni di Scandicci (FI) e Chirco di Firenze

Cantini Lorano SRL

Già dalle prime battute del primo quarto si ha un assaggio di un match prevalentemente combattuto e chiuso, dove saranno le difese le vere protagoniste. Sono necessari infatti più di 60 secondi per gli ospiti per bucare la retroguardia casalinga con una buona giocata in profondità recapitata da Biondi, bravo nel conquistarsi un fallo che vale un viaggio dalla lunetta pienamente sfruttato. Il centro legnaiolo risponde al centro di Affrico, che in questo avvio sembra il più ispirato. Sono infatti di Zanussi sia dalla lunetta che in appoggio, i punti sui quali i bianco-blu cercano di costruire il primo allungo. Il buon gioco sul perimetro dei Jokers tuttavia, imposto da coach Armellini dopo il primo time-out dell’incontro, premia adesso il buon tiro da tre punti di Pazzagli, che al secondo tentativo insacca tre punti d’oro. Nelle ultime battute di un non pirotecnico primo quarto, Gronchi mette a referto un piazzato che fissa il punteggio sul 12-8.

Dopo una falsa partenza in cui le squadre si sono prevalentemente studiate, si inizia a fare sul serio a partire dai secondi dieci minuti. Una porzione di gara che regala finalmente un gioco molto più fluido e veloce per quanto riguarda i Jokers, ora letali in contropiede sfruttando delle ottime transizioni guidate al palleggio da Coli, che smista per i compagni. Uno di questi in particolare guida ad un vero e proprio parziale degli ospiti ed il giocatore in questione è Vuk Zivojinovic. Il numero 12 prima con una tripla in transizione e in seguito con un jumper, si dimostra l’uomo in più per la causa dei Jokers, ora in vantaggio. Albini dalla distanza prova a rimescolare le carte in gioco creando il vantaggio per i padroni di casa, tuttavia sia Ristori con un appoggio che Gronchi con un’altrettanto precisa tripla riescono a mettere a tacere i padroni di casa, firmando un controsorpasso che nel cuore del periodo galvanizza il gruppo. Sul finale, Affrico rosicchia nuovamente porzioni di punteggio senza però riuscire mai ad agganciare gli ospiti, merito soprattutto di un Gronchi particolarmente ispirato e che nella parte centrale del match è ormai una sentenza. Se non fosse stato per il canestro di Bacci all’ultimo possesso, i giallo-blu negli spogliatoi sarebbero rientrati su un meno risicato vantaggio del 26-27.

È un incontro che possiamo definire da testa coda, con Affrico che lotta per la promozione mentre i Jokers, attualmente, occupano l’ultima posizione eppure, nei primi 20 minuti di gioco questa differenza non si è assolutamente sentita. All’alba del secondo tempo però, i padroni di casa entrano con tutto un altro spirito e cercano ad ogni modo di metter in difficoltà gli ospiti sfruttando i tagli di Bandinelli, che con un backdoor ed una penetrazione mano sinistra sale in cattedra. I Jokers provano nuovamente a cercare la propria torre Biondi che però viene schermata con raddoppi mirati e allora, dopo due minuti di sterilità offensiva ed un time-out, i ragazzi di coach Armellini ripropongono l’arma del tiro da fuori ancora utilizzata da un cecchino Pazzagli che come nel primo tempo si fa trovare nel posto giusto al momento giusto. Non basta però perché Affrico adesso si trova sul +7, ed è necessario sfruttare la mano calda che diventa bollette se facciamo riferimento ad uno straordinario Gronchi che in chiusura riesce a dare adito all’altrettanto vincente tiro da tre di Carli, che poco prima aveva alimentato le speranze di ricucire il punteggio, rimasto però invariato sul 46-40.

Nell’ultimo quarto parte subito l’operazione rimonta per i giallo-blu, i quali si affidano a Gronchi che prova a seminare il panico in mezzo all’area, dove viene abbattuto sul tiro. Quando Affrico ha capito però che la tecnica degli ospiti, soprattutto al tiro da lontano, poteva rappresentare un problema, ha cercato di spostare la partita sul piano agonistico, andando a coprire in modo aggressivo ogni tiro e pressando su ogni primo controllo. Ed è proprio da una situazione di scippo del pallone che Bandinelli piazza un +3 che ci fa vedere per la prima volta la doppia cifra di differenza fra le due squadre: una mazzata a cui il capitano degli ospiti non ci sta. Infatti, Ristori immediatamente si svita in mezzo a due per appoggiare: un canestro che a 5 minuti dal termine risveglia il fuoco giallo-blu fino a quel momento spento. Non bastano tuttavia le buone azioni sotto canestro del numero 32 per poter agguantare e portare quanto meno il match ai supplementari, poiché Affrico adesso, forte del vantaggio largo, gioca con il tempo e con i suoi giocatori di esperienza come Zanussi, addormentando il gioco e congelando il punteggio che sul finale si trasforma in un amaro 59-49.

Share it!
Jacopo Mannina
Jacopo Mannina
Articoli: 161

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Verified by MonsterInsights